Incontro sul cinema di Powell e Pressburger: intervista con Ian Christie

27 novembre 2018
Venerdì 30 novembre la sala 2 del Cinema Massimo ha ospitato un incontro sul cinema di Powell & Pressburger a cui hanno preso parte: lo storico del cinema, Ian Christie; i professori del Dams di Torino, Giaime Alonge e Maria Paola Pierini; i critici cinematografici Emiliano Morreale, Giulio Sangiorgio, Barbara Grespi, Federico Gironi e Federico Pedroni.


Intervista a Ian Christie

Per l'occasione abbiamo intervistato lo storico del cinema Ian Christie, che ha dichiarato che il "restauro consente di rivedere i film molto più chiaramente, sia in senso letterale sia eliminando la nostalgia con cui guardiamo certi film del passato.Rappresenta anche un'occasione per far conoscere dei grandi maestri del passato ai giovani."




Un sodalizio vincente

Michael Powell ed Emeric Pressburger: un regista visionario e uno scrittore capace di tener dietro, in sceneggiatura, alle sue evoluzioni fantastiche. Un inglese di Canterbury che aveva cominciato a lavorare nel cinema negli anni Trenta, negli studi della Victorine a Nizza, alle dipendenze di un autore hollywoodiano pazzo e fantasioso, Rex Ingram, e un ebreo ungherese che lavorava a Berlino per la Ufa, dove aveva scritto sceneggiature per Siodmak e Ophüls e che, nel 1935, era riparato a Londra, dov'era stato assunto dall'ungherese che allora dominava la produzione britannica, Alexander Korda.